Eventi e attività

 2020-2021(seconda annualità)

Dopo la prima annualità conclusa a febbraio 2020, nonostante la pandemia non ci siamo fermati e abbiamo continuato a sperimentare nuove forme di incontro per proseguire il viaggio.
Da marzo 2020 prendono vita spazi di condivisione online, con partecipanti di diverse città italiane.
Guidati dalle poesie del libro Luoghi per non vivere esiliato di Norberto Silva Itza, base immaginativa comune, iniziamo a creare collage con appuntamenti settimanali. I partecipanti lavorano da casa nel proprio spazio individuale e protetto e a chiusura di ogni incontro condividono con gli altri il proprio collage. Nascono i Collage naviganti, che fino a luglio 2020, accompagnano ciascuno in un processo di cura della relazione, della possibilità di creare ed incontrarsi.
Parallelamente il Gruppo Video del Grecam, che da diversi anni sperimenta tecniche di ricerca e composizione di videoarte, si collega ai Collage naviganti e, a partire da questi, crea quattro video artistici, unendo frammenti, scomponendo immagini, alimentando fantasie e raccogliendo simboli.
Gli incontri di Collage Naviganti, iniziati senza pretese, diventano via via più articolati: da settembre 2020 a luglio 2021 prende vita il Laboratorio di collage online, a cadenza quindicinale, elaborato da un’equipe e condotto da esperte nel campo delle arti visive, che via via individuano i percorsi più appropriati.
Il laboratorio inizia con un processo di creazione personale, per poi arrivare a realizzare nel contesto di piccoli gruppi un “racconto comune” a partire dai collage di ciascuno, integrando anche nuove competenze tecniche e grafiche. Nascono sei Video racconti, testimonianza della possibilità di scambiare ed integrare, pur in un momento tanto frammentato.
Contemporaneamente, si sviluppa il Laboratorio sperimentale di poesia online, un viaggio tra la parola poetica, le immagini e le emozioni. In questo spazio creativo sono le parole e i loro molteplici significati che disegnano percorsi, mappe di città, strade che si incrociano.
Tutto questo porta alla prossima tappa, per l’anno 2022, del progetto Luci naviganti, Rotte poetiche, percorsi di incontro, dedicato a scuole della Sardegna e del Perù, un gemellaggio di anime in questo grande mare.

Oggi penso alla vita.
Penso ai labirinti
nei quali ci muoviamo
per trovare l’angolo
dove danzare
i nostri sogni
e unirci a quel qualcosa
che sa accompagnarci
nel viaggio…


Norberto Silva Itza

 2019-2020 (prima annualità)

La prima annualità del progetto Luci naviganti, da agosto 2019 a febbraio 2020, è un lungo viaggio che percorre paesi, porti, luoghi sacri della Sardegna e prosegue oltre il mare fino a Roma.
Ci guida il libro di poesie Luoghi per non vivere esiliato di Norberto Silva Itza, che evoca storie e immagini di due terre antiche e sacre la Sardegna e il Perù.
Fin dall’inizio l’itinerario si caratterizza per una forte vocazione di incontro con i territori, di coinvolgimento e scambio con le popolazioni locali, di dialogo e valorizzazione degli spazi di volta in volta abitati.
Le proposte si integrano con le caratteristiche di ciascun luogo e si trasformano assimilando le atmosfere, gli spazi e la natura delle diverse location: dal suggestivo Castello dei Doria di Castelsardo, alla Mediateca del Mediterraneo a Cagliari, al Liceo artistico Figari di Sassari, allo storico Palazzo Merulana di Roma.
In ciascun luogo del progetto prendono vita una serie di iniziative: l’installazione Verso luoghi dove abitarsi; la performance teatrale Luci naviganti; i reading di poesie; i laboratori creativi.

L’installazione Verso luoghi dove abitarsi, in continua trasformazione, raccoglie e collega le suggestioni del viaggio attraverso opere grafiche, assemblaggi di materiali diversi e proiezioni video.

Vai alla Videogallery

Vai alla Fotogallery

In questo spazio si apre la performance itinerante Luci Naviganti: un popolo di camminanti attraversa l’umano e il sacro, tra riti e gesti quotidiani, tra segni antichi e elementi naturali. In scena si intrecciano gesti, immagini, video, suoni e azioni teatrali.

I reading di poesie, da Luoghi per non vivere esiliato, raccontano l’incessante movimento dell’uomo sempre volto ad unire la morte e la vita, in un ciclo che non ha fine. Le voci attraversano lo spazio richiamandosi l’un l’altra nei diversi idiomi, italiano, spagnolo e sardo.

I laboratori creativi di tessitura, arti visive e poesia sono aperti al pubblico, invitato a partecipare attivamente e a lasciare la propria traccia:
-Laboratorio di tessitura Un filo una storia.
-Laboratorio di collage e incisione Dai frammenti di carta al racconto
-Laboratorio di poesia Immaginando la parola.

In questa prima annualità il Progetto Luci naviganti si è arricchito di segni, forme e tracce, con questo bagaglio di incontri e trasformazioni prosegue il suo viaggio.



Viandanti infaticabili degli spazi
ci siamo lasciati penetrare dal tempo
per raccogliere la storia.
Un buon vento guida questo viaggio…

Norberto Silva Itza
2019© GRECAM - All rights reserved